Brasile

Questo sito web mira a fornire informazioni legali utili per quelle persone che desiderano iniziare qualsiasi tipo di relazione con la Repubblica Federale del Brasile - concentrandosi su alcuni aspetti legati al diritto internazionale ed al diritto commerciale domestico.
Questo sito non intende descrivere in maniera esaustiva il diritto internazionale o il diritto commerciale domestico, ma semplicemente porre attenzione sugli aspetti più pratici ed interessanti per quelle persone che desiderano intraprendere rapporti d’affari con il Paese.
Questo sito web non ha contenuto politico: è libero ed aperto a tutte le persone che intendono dare un contributo nel campo del diritto civile, commerciale ed amministrativo. Per qualsiasi informazione, chiarimento o suggerimento, potete contattarci all'indirizzo: mail@decapoa.com

Brazil

Il Paese

Il Brasile è uno Stato federale composto da 26 Stati, cui deve aggiungersi il distretto federale di Brasilia, la capitale del Paese. Il 72% della popolazione, equivalente a circa 155.000.000 di abitanti, vive nelle aree urbane della costa atlantica. Nel 1988 è stata adottata la nuova Costituzione che, mediante l’effettiva divisione dei poteri legislativo, esecutivo e giudiziario, ha determinato la nascita di un moderno sistema democratico, sul modello di quelli occidentali. A partire dal 1994, poi, il Brasile è stato (e continua ad essere) protagonista di una crescita economica poderosa grazie ad una serie di riforme a livello economico, come la privatizzazione di alcune imprese statali, nonché l’incentivazione degli investimenti da parte di imprese straniere.
Il Governo federale ha introdotto una serie di incentivi fiscali, con lo scopo di sostenere in particolare il mercato dell’industria, soprattutto in quei settori per cui normalmente il Brasile dipende principalmente dall’import.
Grazie agli interventi sopracitati, oggi si stima che il Brasile abbia riserve valutarie per oltre 325 Miliardi di dollari, di cui oltre 200 miliardi di dollari nei confronti degli Stati Uniti.
I fondamenti economici del Brasile hanno, inoltre, un outlook positivo, potendo l’economia brasiliana contare su una crescita stabile e su una politica economica di lungo respiro.
Il Brasile, quindi, si presenta come una realtà economica estremamente interessante per gli imprenditori stranieri. Tuttavia, prima di intraprendere un investimento è opportuno che siano adottate le necessarie tutele o cautele. Infatti, e ad esempio, l’imprenditore straniero è tenuto a fornire, preventivamente, dichiarazione circa l’ammontare dell’investimento alle competenti Autorità governative brasiliane, dovendo adempiere ad alcuni obblighi di natura valutaria.
Inoltre, è sempre consigliabile che l’imprenditore predisponga appositi strumenti contrattuali, con i quali definire tutti gli aspetti del rapporto con il proprio partner locale.
Lo Studio legale de Capoa & Partners, grazie alla sua ultradecennale esperienza sul piano internazionale nonché agli stretti rapporti di collaborazione che intrattiene con numerosi professionisti locali, può offrire agli imprenditori interessati una consulenza rapida, efficiente e perfettamente consapevole della complessità della realtà giuridico-economico brasiliana.

Il Contratto di agenzia

Gli operatori che intendano investire nel mercato brasiliano possono usufruire dei vantaggi che la legge brasiliana prevede per i contratti di agenzia e di distribuzione.
L’art. 710 del codice civile brasiliano definisce il contratto di agenzia come quel contratto con il quale un soggetto persona fisica o giuridica si obbliga, dietro un corrispettivo (retribuiçao) a realizzare determinati affari, in una determinata zona, con carattere di abitualità in favore e per conto di un terzo, senza subordinazione gerarchica. La legge brasiliana prevede che il contratto di agenzia debba avere necessariamente la forma scritta, è inoltre consigliabile che l’imprenditore autentichi le firme presso la locale conservatoria. Infatti, pur non essendo tale adempimento necessario per l’efficacia del contratto, agendo in tal modo l’investitore straniero, con una modica spesa, preclude ogni possibile azione futura per il disconoscimento delle firme. La legge prevede che l’attività di agente commerciale possa essere affidata tanto a persone fisiche quanto a persone giuridiche, siano esse di nazionalità brasiliana o straniera. Nonostante questa possibilità, appare evidente come convenga nominare un agente brasiliano data la natura interpersonale dell’attività lavorativa, nonché la maggiore padronanza della lingua e delle consuetudini commerciali che possiede un autoctono. Oltre alla forma scritta, il contratto di agenzia deve necessariamente contenere i seguenti elementi: - durata del contratto; - indicazione della zona dell’attività; - patto, o meno, di esclusività; - esistenza, o meno, di garanzie; - la remunerazione dell’agente. Si sottolinea, inoltre, che la c.d. clausola dello star del credere (per cui l’agente percepisce la provvigione solamente nel caso in cui il compratore abbia effettivamente pagato la merce all’imprenditore) non è considerata ammissibile dall’ordinamento brasiliano. In caso di cessazione del contratto con il preponente, la legge brasiliana prevede a favore dell’agente il diritto all’indennità.
Qualora il contratto di agenzia venga sciolto senza giusta causa, l’indennità non potrà essere inferiore alla somma equivalente all’8,3% del totale delle provvigioni maturate dall’agente. - Il Contratto di Distribuzione L’art. 710 del Codice Civile brasiliano definisce il contratto di distribuzione come un contratto di agenzia, in cui però l’agente ha la disponibilità materiale dei prodotti da commercializzare. Mancando una specifica disciplina, la Giurisprudenza brasiliana estende l’applicazione della normativa in materia di agenzia al contratto di distribuzione.
Gli imprenditori interessati a concludere un rapporto di Agenzia o di Distribuzione in Brasile, sono tenuti a specificare quale sia la legge applicabile al contratto. Si segnala inoltre che, le parti possono rimettere la risoluzione delle eventuali controversie contrattuali ad un arbitro, mediante l’inserimento di specifica clausola, avendo il Brasile ratificato la Convenzione di New York per il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze arbitrali straniere.

Franchising

Il contratto di franchising, denominato anche contratto di franquia, è notevolmente diffuso sul mercato brasiliano. Preliminarmente, occorre sottolineare che il contratto franchising in Brasile è regolato dalla legge n. 8955/94, ragion per la quale l’imprenditore che decida di investire in Brasile attraverso il contratto di Franchising ha la certezza di essere tutelato da espresse previsioni di legge. Secondo la sopracitata legge, il contratto franchising è definito come lo strumento con il quale “ il franchisee cede al franchisor il diritto di utilizzare per fini commerciali il proprio marchio o la propria insegna, associato al diritto di distribuzione esclusiva o semi-esclusiva di prodotti e servizi, e, eventualmente, anche il diritto all’uso di tecnologia dell’impianto e l’amministrazione del negozio o del sistema operazionale creato o in possesso del franchisor, in cambio di rimunerazione diretta o indiretta, senza la caratterizzazione di vincoli impiegatizio”.
Così come avviene nella maggior parte dei Paesi del mondo, tuttavia, prima della conclusione del contratto di franchising, il franchisor dovrà necessariamente presentare al franchisee una proposta pre-contrattuale, contenente tutte le informazioni necessarie perché quest’ultimo abbia la piena consapevolezza della formula commerciale utilizzata in passato e promossa attualmente dal franchisor. In tal senso, il franchisor dovrà presentare al franchisee, tra le altre, le seguenti informazioni: - la storia e la forma giuridica della società; - i propri bilanci; - l’eventuale esistenza di cause giudiziarie pendenti collegate ai contratti franchising già esistenti; - una completa descrizione dell’attività che il franchisor ha intenzione di esercitare; - etc...
Per la redazione del contratto di franchising, si consiglia sempre di specificare l’ammontare delle royalties, la delimitazione del territorio in cui il franchisor potrà operare, nonché le cause di risoluzione del contratto. E’ consigliabile da parte dell’imprenditore, la registrazione del contratto di franchising presso Instituto Nacional da Propriedade Industrial (INPI), potendosi in tal modo garantire una maggiore tutela, anche rispetto ai soggetti terzi.
Inoltre, occorre sottolineare che, per investire attraverso lo strumento del franchising, è necessario un investimento minimo di 50.00,00 dollari americani, legalmente denunciato presso il Banco Centrale del Brasile (BACEN).

La costituzione di una società in Brasile

Costituire una nuova società in Brasile è un’operazione semplice e veloce. L’organo competente per il procedimento è la “Junta Comercial”, un organismo governativo presente nella capitale di ogni Stato.
Naturalmente è consigliabile che prima di aprire una società nel Paese, l’imprenditore si avvalga della consulenza specializzata di un Avvocato, che gli permetta una scelta maggiormente consapevole circa la forma della società e soprattutto il regime fiscale da adottare, più vantaggioso ed adatto alle proprie esigenze.
In Brasile si tenga presente che l’offerta di mano d’opera qualificata è ancora scarsa, non disponendo il Paese di un numero sufficiente di professionisti specializzati. Pertanto è consigliabile che l’imprenditore si rivolga ad apposite agenzie specializzate per il reclutamento di lavoratori specializzati.

Disclaimer

Si osservi quanto segue:

Questo sito web e le informazioni in esso contenute sono stati sviluppati e forniti dallo Studio Legale de Capoa per scopi puramente informativi.

Questo sito web non è destinato ad essere, e non sostituisce un’assistenza legale. Non utilizzare nessuna informazione contenuta in queste pagine come fonte di consulenza legale.

Questo sito web contiene link diretti a siti che non sono stati preparati dallo Studio Legale de Capoa. Questi link sono offerti a titolo di cortesia. Lo Studio Legale de Capoa non ha alcun rapporto con essi, e la loro menzione non implica convalida o approvazione. Lo Studio Legale de Capoa non è responsabile dei contenuti di tutti i siti collegati o di tutti i link contenuti nei siti collegati.

Questo sito web non ha fini pubblicitari. Lo Studio Legale de Capoa non intende rappresentare nessuno che cerchi rappresentanza sulla base della revisione di questo sito web in ogni luogo in cui essa non è conforme a tutte le leggi e le regole etiche.

Non si instaura nessuna relazione avvocato-cliente tra gli utenti del sito e lo Studio Legale de Capoa.

Studio Legale de Capoa & Partners - Via Massimo D'Azeglio, 58 40123 Bologna - P.IVA 03339051207

Log In

Cambia lingua