Algeria

Questo sito web mira a fornire informazioni legali utili per quelle persone che desiderano iniziare qualsiasi tipo di relazione con la Repubblica Democratica Popolare di Algeria - concentrandosi su alcuni aspetti legati al diritto internazionale ed al diritto commerciale domestico.
Questo sito non intende descrivere in maniera esaustiva il diritto internazionale o il diritto commerciale domestico, ma semplicemente porre attenzione sugli aspetti più pratici ed interessanti per quelle persone che desiderano intraprendere rapporti d’affari con il Paese.
Questo sito web non ha contenuto politico: è libero ed aperto a tutte le persone che intendono dare un contributo nel campo del diritto civile, commerciale ed amministrativo. Per qualsiasi informazione, chiarimento o suggerimento, potete contattarci all'indirizzo: mail@decapoa.com

algeria

Il Paese

La Repubblica Popolare Democratica di Algeria è uno dei Paesi più interessanti ed attrattivi dell’Africa del Nord e rappresenta un importantissimo centro di affari, sia dal punto di vista del consumo domestico che come piattaforma per realizzare programmi di penetrazione commerciale nelle aree dei Paesi limitrofi.
Una delle modalità di approccio al Paese è proprio rappresentata dalla istituzione di agenti o di distributori, in grado di supportare efficacemente l’azienda straniera che intenda promuovere l’offerta dei propri prodotti o servizi.
Premesso che il Paese ha un ordinamento giuridico molto ben articolato, dettagliato e stabile, per quanto riguarda il diritto commerciale e societario, si ispira ai codici civile e di commercio francesi.

Il Contratto di agenzia

Per quanto riguarda il contratto di agenzia, secondo il Codice del Commercio algerino (art. 34), tale contratto viene definito come l'accordo secondo il quale una persona, senza essere legata, s'impegna a promuovere e concludere in maniera abituale acquisti e/o vendite, e più in generale tutte le altre operazioni commerciali in nome e per conto di un preponente commerciante. In particolare, emerge dalla definizione del Code de Commerce che:

  • - il contratto di agenzia commerciale presuppone che l’agente non sia obbligato verso il committente da un contratto di prestazione di servizi (louage de services);
  • - l’agente si obbliga nei confronti del committente a concludere, in modo continuativo, acquisti o vendite e tutte le altre attività connesse, in nome e per conto del committente stesso; eventualmente l’agente può effettuare operazioni commerciali per suo conto (come contratto di distribuzione); L'agenzia commerciale può essere conferita ad una persona fisica o giuridica iscritta nei registro del commercio. In estrema sintesi si può affermare che l’impostazione data dalla legge non si discosta dalle discipline dei Paesi europei o, più in generale, dalla comunità e dalla prassi internazionale.
Quindi, nel redigere un contratto di agenzia commerciale, possono essere utilmente impiegati i modelli suggeriti dalla Camera di Commercio Internazionale di Parigi, o da altre Istituzioni, oppure quelli adottati dalla prassi internazionale.
A differenza però di quanto previsto dalle legislazioni ad esempio in vigore nei Paesi dell’UE (che hanno recepito la Direttiva 86/653/CEE sugli agenti di commercio), l’ordinamento algerino non prevede particolari obblighi o limitazioni, né clausole di ordine pubblico a favore dell’agente. Una delle poche limitazioni previste riguarda il periodo di preavviso in caso di scioglimento del rapporto, preavviso che deve essere in ogni caso congruo rispetto alla durata del contratto.
Ne consegue che, allorquando un’azienda straniera, in particolare europea, intendesse nominare un agente in Algeria, può valutare con attenzione l’opportunità utilizzare quale legge applicabile, per l’appunto, quella algerina, proprio perché all’agente non sono riservate tutte quelle clausole di salvaguardia che ne proteggono la figura; ad esempio l’obbligo di corrispondere un’indennità alla fine del rapporto, l’obbligo di remunerare il patto di non concorrenza e via di seguito. Il contratto potrà quindi essere molto snello avendo cura la casa mandante straniera di prevedere e rispettare i termini di preavviso che, si ripete, dovranno essere coerenti e proporzionali alla durata del rapporto.
In considerazione del fatto che l’Algeria ha ratificato la Convenzione di New York del 1958 sull’Arbitrato Internazionale, converrà inserire nel contratto la clausola che prevede la competenza esclusiva di un giudice arbitrale per conoscere e decidere un’eventuale controversia insorta tra la casa mandante e l’agente. Si suggerisce di ricorrere ad un arbitrato amministrato, ossia far assoggettare il procedimento ad un regolamento arbitrale adottato da un organismo indipendente quale può essere una Camera di Commercio o algerina o di un Paese terzo.
Riassumendo il contratto può essere redatto in lingua francese o altra lingua; può essere scelta quale legge applicabile quella algerina. E’ utile prevedere una clausola arbitrale, che richiami un regolamento arbitrale adottato da una Camera di Commercio algerina o straniera.

Il Contratto di distribuzione

Il contratto di distribuzione alla stregua di quanto previsto da innumerevoli ordinamenti non trova una disciplina specifica nell’ordinamento algerino. Possono quindi essere utilizzati i modelli contrattuali adottati dalla pratica internazionale.
Valgono le stesse considerazioni svolte in tema di contratto di agenzia, nel senso che la legge algerina non prevede particolari obblighi o limitazioni a carico della casa mandante e quindi a favore del distributore.
Tenuto conto del fatto che in Europa o la legge o la giurisprudenza impongono alla case mandante l’obbligo di corrispondere al distributore, alla stregua di un agente di commercio, un’indennità per creazione di avviamento in caso di scioglimento del rapporto, anche in questo caso converrà valutare con attenzione l’opportunità di assoggettare il rapporto alla legge algerina, non essendo previsto per l’appunto alcun diritto in capo al distributore di pretendere un’indennità.

Il Franchising

Questo tipo contratto è molto sviluppato in Algeria e fa parte della categoria dei contratti d’affari, aggiungendosi al contratto di agenzia e distribuzione.
Il contratto mette in relazione un franchesee ed un franchisor. Il franchisor conferisce al franchesee il diritto di utilizzare e diffondere a fini commerciali il suo marchio e la sua etichetta e il diritto di produrre i suoi prodotti e di commercializzarli. Come contropartita il franchisee si impegna a versare una somma calcolata sulla sua cifra d’affari e di sottoporsi ad una lista di obblighi del franchisor per cui si conformerà alle norme di fabbricazione del prodotto del franchisor, alle tariffe praticate alle obbligazioni di produrre i prodotti che il franchisor sceglierà di mettere sul mercato e alle norme connesse all’allestimento del locale commerciale.
Il contratto di franchising non è oggetto di una legislazione specifica. Le parti del contratto hanno un ampio margine di manovra per redigere le clausole secondo la loro convenienza ed organizzare le loro relazioni secondo il proprio bisogno. Le regole generalmente comuni ai contratti d franchising riguardano:

  • - la remunerazione dovuta al franchisor il quale accetta che il suo marchio sia diffuso da un terzo;
  • - la lista degli obblighi tra i quali quello che il marchio sia diffuso secondo la volontà e le norme del franchisor;
Fa parte della possibilità di iniziativa del franchisor: la messa sul mercato di nuovi prodotti a cui il franchisee non può rifiutarsi e la pubblicità del marchio. Qualche volta per l’acquisto delle materie prime si aggiunge per il franchisee l’obbligo di approvvigionarsi presso il franchisor.

L'Etichettatura

Nel marzo 2011, il Ministero del Commercio algerino ha pubblicato una nota a tutti gli importatori ricordando loro l'obbligo di presentare una prova di conformità dei prodotti da importarsi per mezzo di un certificato di conformità o del certificato di qualità per tutte le esportazioni verso l'Algeria, per garantire che essi soddisfino i relativi requisiti legali e normativi che li riguardano. Tale obbligo è imposto dalla Legge 09-03 del 25/02/2009 relativa alla tutela dei consumatori e la prevenzione delle frodi e dal Decreto 05-467 del 12/12/2005, sulle condizioni e sulle procedure di controllo di conformità delle merci importate in dogana.
Il Certificato di Conformità richiesta può anche essere indicato come il "Certificat de contrôle de qualité". Il presente documento deve certificare che le merci sono in conformità con le normative e le norme tecniche del Paese. È necessaria la copia originale del certificato di conformità per ogni spedizione e dovrebbe essere rilasciato nel paese di esportazione. Si tratta di un documento obbligatorio.
Tali provvedimenti stabiliscono innanzitutto che l’etichetta obbligatoria deve essere saldamente fissata all’imballaggio o stampata sul medesimo. Le indicazioni (nome con cui il prodotto è distribuito, riferimenti del produttore, dell’importatore, indicazione del contenuto netto espresso in unità internazionale metrica, metodi di utilizzo di eventuali precauzioni), devono essere riportate in modo chiaro, leggibile e utilizzando inchiostro indelebile. Per l’importazione di alimenti è previsto che se il volume o peso è inferiore ai 5 litri o 5 kg, può essere utilizzato ogni materiale per il trasporto ad eccezione del vetro o della plastica trasparente che abbiano la forma di bottiglie, vaso o barattolo.
Sul sito del Ministero del Commercio Algerino è stata pubblicata (marzo 2012) una nota in riferimento ai dati dell’importatore che vengono indicati su etichette e imballi di merce destinata in Algeria. Questa nota si è resa necessaria dopo che sono state trovate, e conseguentemente bloccate, numerose spedizioni in cui le etichette presenti sugli imballi riportavano dati dell'importatore (nome e indirizzo) non corretti. Questi controlli sono stati effettuati da parte del Servizio di Qualità e Controllo delle Frodi attivo al confine Algerino sotto l'autorità del Ministero del Commercio.
Dunque a partire dal 1 luglio 2011, tutte le spedizioni che non riportano i dati corretti vengono bloccate e respinte dalle dogane Algerine, senza possibilità di deroga. Di conseguenza gli esportatori dovranno assicurarsi di ottenere l'esatta identità e relativi riferimenti dell'importatore e che gli stessi dati vengano indicati sulle marcature dei prodotti in spedizione, evitando sovra-etichettature, doppie etichettature, ragioni sociali e indirizzi diversi.
Anche la regolamentazione relativa al packaging dei prodotti è presente nella legislazione sull' etichettatura dei prodotti. Con riferimento alle lingue autorizzate relative all'imballaggio e all'etichettatura, tutti i prodotti venduti al dettaglio sul mercato algerino devono essere accompagnati da un opuscolo informativo in arabo.
Si ricorda che tutti i prodotti alimentari, della cosmetica e farmaceutici devono poi essere “halal, ovvero conformi ai precetti della Religione mussulmana, e si suggerisce di ottenere questo certificato prima dell’esportazione.

Disclaimer

Si osservi quanto segue:

Questo sito web e le informazioni in esso contenute sono stati sviluppati e forniti dallo Studio Legale de Capoa per scopi puramente informativi.

Questo sito web non è destinato ad essere, e non sostituisce un’assistenza legale. Non utilizzare nessuna informazione contenuta in queste pagine come fonte di consulenza legale.

Questo sito web contiene link diretti a siti che non sono stati preparati dallo Studio Legale de Capoa. Questi link sono offerti a titolo di cortesia. Lo Studio Legale de Capoa non ha alcun rapporto con essi, e la loro menzione non implica convalida o approvazione. Lo Studio Legale de Capoa non è responsabile dei contenuti di tutti i siti collegati o di tutti i link contenuti nei siti collegati.

Questo sito web non ha fini pubblicitari. Lo Studio Legale de Capoa non intende rappresentare nessuno che cerchi rappresentanza sulla base della revisione di questo sito web in ogni luogo in cui essa non è conforme a tutte le leggi e le regole etiche.

Non si instaura nessuna relazione avvocato-cliente tra gli utenti del sito e lo Studio Legale de Capoa.

Studio Legale de Capoa & Partners - Via Massimo D'Azeglio, 58 40123 Bologna - P.IVA 03339051207

Log In

Cambia Lingua